Ipsos Shopper-Lab

Per poter comprendere a fondo il  “Path-to-purchase” è necessario individuare i comportamenti degli shopper in un ambiente realistico, soprattutto nel contatto fisico con i prodotti. Far immergere i consumatori in questo contesto reale permette di osservare i comportamenti abituali. Un risultato che non si ottiene con il semplice dichiarato. Tuttavia, osservare i comportamenti in un punto vendita reale è difficilmente realizzabile, sia per la disponibilità dei Retailers, sia per l’impossibilità di posizionare nuovi prodotti o testare display in negozi aperti al pubblico.

Per questo Ipsos ha realizzato Behavior Shopper-LAB, un laboratorio che permette di simulare quello che accade in un vero punto vendita, osservando il consumatore durante la spesa e misurando i suoi comportamenti davanti allo scaffale: quanto tempo viene impiegato per prendere una decisione, le reazioni di fronte al packaging, al prezzo, alle promozioni, ecc.

Il nostro punto di forza è il realismo

Shopper-Lab è un supermarket ricostruito seguendo il modello di un vero supermercato italiano. Luci, colori, suoni, scaffali: tutto è riprodotto come in un vero punto vendita. Le persone svolgono la spesa in libertà, naturalmente e senza conoscere la categoria in fase di studio. Anche i prezzi sono reali , adattati alle piazze, aggiornati due volte l’anno e ridefiniti per le categorie in test. Non solo: tutto l’ambiente è modulabile: l’assortimento della categoria e l’allestimento dello scaffale sono ridefiniti secondo il planogramma fornito dal cliente. Inserimento di promo e comunicazioni POS, extra display e forme di attivazione in-store rendono l'esperienza ancora più reale. 

Le fondamenta dell’approccio: tecnologia avanzata e metriche innovative

In Behavior Shopper-Lab registriamo l’esperienza dei consumatori con sofisticati e compatti occhiali  eye-tracker indossati dai partecipanti allo studio. Attraverso questi dispositivi raccogliamo i movimenti oculari durante le fasi di approccio alle categorie e alla scelta dei prodotti, oltre ai comportamenti di acquisto.  La mole di dati viene poi elaborata e trasformata in metriche sintetiche di performance: tempo speso davanti alla categoria, visibilità (reale), crescita del brand/ della range, crescita della categoria, mantenimento/perdita user e reclutamento di non user. Gli ambiti di applicazione sono molteplici: packaging test, lanci o rilanci di prodotti o gamme, studi di categoria, forme di attivazione in store / materiali POP.

Scarica anche la Tested categories Business Cases